Una Divina Volontà And One volontà umana, Giovanni 6:38

Questa è una traduzione imperfetta dal documento originale in inglese che è stato tradotto dal software Google Translating. Se si parla inglese e vorrebbe servire come ministro web per rispondere a domande dei popoli nella tua lingua nativa; o se si vuole aiutarci a migliorare l'accuratezza della traduzione, vi preghiamo di inviarci un messaggio

Gesù disse in Giovanni 06:38 , "Io sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato“. Il Dio che è diventato un uomo venuto dal cielo.

Dopo che scendeva dal cielo, è diventato un figlio umano pienamente completo di una natura umana del tutto completa e la volontà. Pertanto, Gesù poteva dire che non è venuto per fare la sua volontà (la sua volontà umana), ma del Padre (la Volontà divina).


Trinitaria apologeta Luis Reyes mi ha inviato diverse e-mail (datato settembre 2016) in cui ha ben delineata tre clausole di Giovanni 6:38 che ha pensato dimostrato due dio divine Persone della Trinità. Ancora il passaggio non solo non supporta la vista trinitaria comune, in realtà contraddice. Ecco le mie risposte abbreviato che ho inviato al signor Reyes via e-mail.

Hai scritto: "Questo è il testo di Giovanni 6:38 di nuovo:"

"Io sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.”


Ho risposto: “Tu delineato tre clausole all'interno di Giovanni 6:38 quando hai scritto,” "In primo luogo, faccio notare che c'è una clausola indipendente (A), e che ci sono altri due clausole (B) e (C), che sono dipendenti su questa clausola indipendente (A) ".

(A) “Io sono disceso dal cielo”

(B) “di non fare la mia volontà”

(C), “ma la volontà di colui che mi ha mandato”

Poi lei ha chiesto a queste tre domande:

(1) Chi è il “io” che sta parlando in (A)? E 'il Padre (natura divina) o è il Figlio (la natura umana)?

(2) Chi è il diffusore in (B)? E 'il Padre (natura divina) o è il Figlio (la natura umana)?

(3) Chi è il diffusore in (C)? E 'il Padre (natura divina) o è il Figlio (la natura umana)?

RISPOSTE ABBREVIATO AL SIG. COMMENTI REYES' E QUESTIONI FUORI Giovanni 6:38


Le uniche distinzioni di volontà, mente e coscienza ha cominciato dopo lo Spirito Santo di Dio del Padre scese sulla Vergine per diventare un vero uomo con una vera e propria volontà umana.

Per Dio come Dio non può avere tre volontà di Dio che potenzialmente potrebbero essere in disaccordo con l'altro, senza essere un Dio Tri-teista. Ecco perché sono convinto che l'Unità teologia è l'unica visione teologica che sostiene la vera divinità di Cristo, mentre portando l'armonia a tutte le scritture.

Vedo Giovanni 6:38 ad essere problematico per Trinitari come non ci sono scritture per giustificare Dio come Dio mai avere più di un volontà divina in tutto l'ebraico e Scritture Greche. Infatti, se un presunto Dio coequal il figlio potrebbe avere una volontà divina che potrebbero non essere d'accordo con il padre, allora Dio non poteva essere chiamato Unico Dio pur possedendo tre menti Dio e tre Dio vuole.

Pertanto Trinitari non può sostenere vero monoteismo pur credendo che Dio ha tre centri personali di autocoscienza, con ogni Divino Dio Persona che ha la sua stessa mente distinto e Will.

Inoltre, è ridicolo pensare di Cristo Gesù uomo ad avere più di una coscienza. Perché se Cristo Gesù aveva una distinta coscienza divina e di una coscienza umana distinta in se stesso, allora avremmo uno schizofrenico nestoriana Cristo che sarebbero due persone, piuttosto che una sola persona. 1 Corinzi 11: 3 afferma chiaramente che "Dio è il capo di Cristo.

"Quindi, Dio come Dio non può avere su di lui un capo, ma 'Dio con noi', come un vero uomo potrebbe avere una testa. Quindi, se Gesù Cristo ha una distinta coeguale Dio Mente e Dio, come poi avrebbe potuto avere una testa?

Perciò, Gesù come un vero essere umano poteva parlare soltanto della sua coscienza umana quando ha detto, "Io sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato" in Giovanni 6:38. Infatti, quando Gesù disse: "Sono disceso (passato)", significa che egli già scese e parlava come un vero essere umano sulla terra quando pronunciava queste parole.

L'unica spiegazione alternativa possibile vorrebbe dire che un presunto Secondo numero Dio persona due non è venuto per fare la sua volontà divina. Se è così, più di una Divina vorrebbe dire che v'è una capacità in Dio di spostare in una volontà in conflitto da uno dei presunti Persone divine in se stesso, vale a dire, del Padre.

Se è vero che Colui che è disceso dal cielo è lo Spirito Santo di Dio Padre, colui che parlava mai potrebbe parlare solo attraverso la sua coscienza umana come un uomo.

Per Gesù come un bambino umano nato e figlio dato chiaramente avuto una presa di coscienza divina della sua esistenza come Dio anche prima di diventare un uomo quando ha detto: "Prima che Abramo fosse, Io Sono" in Giovanni 8:58 e "anche il Figlio dell'uomo che è nei cieli" in Giovanni 3:13.

Il titolo, "Figlio dell'uomo" significa letteralmente un figlio del genere umano attraverso l'umanità di Maria. Così dimostrando che Gesù come un vero essere umano sapeva che non solo esisteva sulla terra come un uomo, ma anche in cielo come Dio (Nota: Gesù spesso usato i suoi titoli incarnazionali per nascondere la sua vera identità di Dio - Isaia 45: 14- 15; Giovanni 16:25).

Pertanto, la persona chiamata Gesù Cristo di Nazareth è al cento per cento l'uomo, ma la sua vera identità è al cento per cento Dio con noi come un vero uomo tra gli uomini che esiste anche come il "Dio potente" e "Padre eterno" al di fuori del suo nuovo esistenza come un vero uomo tramite l'incarnazione attraverso la vergine.

Perciò, proprio Spirito Santo del Padre scese dal cielo per diventare un vero uomo tra gli uomini non per fare la sua volontà umana di recente assunta (all'interno l'incarnazione), ma la volontà del solo vero Dio Padre (al di fuori l'incarnazione).

Per come ho indicato in precedenza, la Scrittura dimostra che il Figlio è stato mandato "a somiglianza di carne di peccato" (Rm 8. 2) dopo che era stato "nato da donna" (Gal. 4: 4) .Hence, come Gesù inviato i discepoli "nel mondo" dopo la loro nascita delle donne, in modo che il Padre ha mandato il Figlio "nel mondo" dopo essere stato "nato da donna" (Giovanni 17:18; Gal 4. 4).


Ebrei 1: 3 ci informa che Gesù come un bambino umano nato e figlio dato è "la luminosità (" apaugasma "significa 'la luminosità riflessa' Vedere Thayer) della sua gloria (il contesto non indichi la gloria del Padre) e l'impronta (" Charakter "significa 'riproduzione, copia impresso') della sua persona (la persona del Padre - 'ipostasi' = sostanza dell'essere / persona").

"Quindi, la teologia trinitaria non riesce a gestire il fatto che la divinità del Figlio di Dio è l'immagine riprodotta (copia) della persona del Padre come persona umana pienamente compiuta.

Mentre Ariani (come quella di JW) ritengono che il Figlio è stato riprodotto come l'immagine della persona del Padre, prima dell'incarnazione senza giustificazione scritturale, trinitari non hanno modo sensato per spiegare come un presunto figlio senza tempo avrebbe potuto essere "riprodotta", come la "copia impresso" della persona del Padre, pur rimanendo senza tempo. Salmo 2: 7 e Eb. 1: 5 in particolare sottolineare all'inizio del Figlio con la sua generazione.

"Tu sei mio figlio, Oggi ho generato." Salmo 2: 7

"Io sarò per lui un padre, ed egli sarà per me un figlio". Eb. 1: 5/2 Sam. 07:14

Ebrei 2:17 indica che il Dio che mangiò la carne e il sangue è stato "reso pienamente umana in ogni modo" (Eb 2,17 -. NIV), proprio come tutti i fratelli umani sono fatti.

Perciò il Figlio di Dio deve avere uno spirito umano pienamente completa, una mente umana del tutto completa, la natura, e altrimenti non sarebbe stato un vero figlio come un vero uomo.


In Giovanni 6:38 CLAUSOLA A, Luis Reyes chiese: "Chi è l '‘io’che sta parlando in (A)? E' il Padre (natura divina) o è il Figlio (la natura umana)?"

Giovanni 6: 38a - "Io sono disceso dal cielo ..."